L’Artista-Artigiana

nilvaProfilo

Clotilde Nilva Fina Pillan, nata il 24 giugno del 1942 e morta il 28 dicembre 2002, si è interessata di Origami fin dai primi anni ’70 (in modo ufficiale alla fine del 1974) e ha collaborato per molti anni con assessorati alla cultura ed istruzione, scuole ed associazioni di molte città.

Il tutto per diffondere l’arte e la conoscenza dell’origami.

 

Mostre

Agosto 1980 – per conto di un’associazione culturale di Asiago.

Settenbre 1980 – presso villa Palladiana “Sesso Schiavo” a Sandrigo (VI), su richiesta del Presidente nazionale delle Pro-Loco, con la collaborazione del Centro Italiano di Origami.

1982 – In collaborazione con la biblioteca civica Bertoliana di Vicenza, all’interno del salone centrale della Basilica Palladiana: oltre all’origami d’autore, è sviluppato tutto un percorso didattico svoltosi in collaborazione con le scuole elementari e medie della città e provincia.

1986 – mostra a Isola Vicentina presso il santuario di Santa Maria del Cengio

Altre mostre a Rovato (BS) e in molte altre località.

Uscendo dagli schemi tradizionali, presentazione delle decorazioni per la tavola: tovaglioli e segnaposto con l’origami dal 1600 ad oggi presso la biblioteca “La Vigna” di Vicenza.

La bottega è stata premiata al concorso “Vetrine in Rosa” in occasione dell’arrivo di una tappa del “Giro d’Italia”.

Ottobre 1998 – Mostra presso RAASM Park a S. Zeno di Cassola (VI).

Settembre 1999 – Personale di vecchi e nuovi Origami in Fiore (circa un centinaio) inventati dall’artista – artigiana, presso l’Oratorio dei Boccalotti nel quartiere storico di Vicenza in cui sorge la bottega.
ORATORIO DEI BOCCALOTTI – Nel 1414 mastro Zannino dei Boccali fa costruire, nei pressi della chiesa di S. Pietro, dove esisteva la sua “Fornaces a Boccalibus”, un oratorio dove si sarebbero tenute le riunioni della fraglia dei Boccalotti (costruttori di vasi e maioliche di tutti i tipi)

 

Libri

Il suo personale interesse per il mondo dell’origami si rivolgeva soprattutto ai fiori.

Moltissimi sono “sbocciati” per incanto dalle sue mani (circa un centinaio di diverse specie) e alcuni di questi sono stati pubblicati in due libri:

uno “Origami in fiore” editore “Il Castello” è arrivato alla quarta ristampa;

l’altro “Origami fioriti” editore “Demetra”, ristampato più volte.

Altre sue creazioni i origami, animali, buste, scatole e stelle sono state inserite in pubblicazioni antologiche italiane e straniere.